Linosa

Possibili sviluppi futuri

Possibili sviluppi futuri

Prevediamo e vogliamo una possibile evoluzione a cadenza annuale, per farlo diventare un’importante riferimento artistico nel panorama europeo. In quest’ottica si può ipotizzare, con il riscontro del successo e del rilievo del Festival, la creazione di una Fondazione dei Linguaggi e Delle Arti Performative con sede a Linosa. Una fondazione al servizio del bene pubblico e aperta alla collaborazione con gli enti pubblici e privati che ne condividano gli obiettivi. Questa futura evoluzione può arrivare ad estendere il progetto LinosArt e ad esportarlo successivamente ad alcuni luoghi scelti del resto della Sicilia.

Motivazioni di scelta

Decidere di realizzare questo Festival a Linosa per l’Amministrazione Comunale in particolare può costituire una scelta strategica non solo dal punto di vista artistico ma anche da quello turistico ed economico.

Turistico:
Esistono esempi non simili in quanto a contenuti ma speculari quanto a strategia: festival organizzati in periodi atti a consentire un prolungamento della stagione, come Lugano, Stresa e pochi altri.
Sicuramente dato il clima della Sicilia, e di questo particolare punto della Sicilia, non vi è un grande bisogno di prolungare la stagione estiva ma si può creare la necessità di far vivere Linosa indipendentemente dalle vacanze estive.
Nel contesto del progetto di auto sviluppo del territorio che riguarda l’area questo Festival può invitare un maggior numero di turisti ma “selezionati”.
Chi si reca in queste zone già predilige un “turismo sostenibile”, la presenza di LinosArt porterebbe anche tutte quelle persone attente all’arte, alla cultura, alla natura, al teatro che verrebbero con lo specifco intento di seguire gli eventi teatrali e performativi. Una fetta di turismo in più ma “selezionata”.

Inoltre la possibilità di svilupparlo successivamente a cadenza annuale aumenterebbe ulteriormente il fusso turistico perché questi stessi soggetti interessati a seguire i festival più signifcativi in giro per il mondo hanno una rete di contatti e di conoscenze a ragnatela cui diffondere l’informazione e da coinvolgere.

Economico:
L’intento, attraverso LinosArt, è anche di creare lavoro e competenze. Associazione Pelagos in collaborazione con Fabio Sanflippo e Federicapaola Capecchi, gestisce l’ideazione e organizzazione del festival ma ha intenzione, per la realizzazione e per la logistica in loco, di formare e utilizzare persone autoctone. Questo signifca acquisizione di competenze – spendibili anche successivamente al Festival e in altri luoghi – e lavoro.
Automaticamente un Festival che si pone come riferimento nel panorama europeo chiamerà sponsor, iniziative e la possibilità di costruire realtà produttive intorno ad esso.

In generale, per la Provincia e la Regione, realizzare LinosArt costituisce la possibilità di porsi come punto di riferimento artistico e culturale – oltre che di un turismo sostenibile – all’interno del panorama europeo.
Di festival teatrali davvero signifcativi a livello europeo ce ne sono pochi. Il più importante è il “Fringe” di Edimburgo che si svolge dal 10 al 31 agosto di ogni anno.

Sarebbe persino possibile, realizzando LinosArt con il suo potenziale di innovazione e originalità, ipotizzare nelle edizioni successive alla prima un vero e proprio gemellaggio dal quale risulti che i due Festival più signifcativi in Europa sono uno all’estremo Nord e uno all’estremo Sud. Il gemellaggio oltre che istituzionale potrebbe essere anche fsico e sostanziale: facendo sì che i periodi di svolgimento dell’uno e dell’altro siano consequenziali (ex: agosto Edimburgo – settembre Linosa ) e che gli artisti ospitati in un festival si esibiscano poi anche nell’altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *